B-1 Colpita e Affondata Forlì!

Posted: 17th gennaio 2011 by VIKING BRONI 1991 in Viking Broni
Tags: , , , ,

Si alza ancora l’asticella. Qual­cuno lassù ci vuol tal­mente bene da decidere che otto gio­ca­trici son troppe: meglio un ros­ter più “snello” e tac!, in set­ti­mana si scav­iglia la Brusa a cui non resta che sedersi in panca con Viganò. Meno­male che la Borghi è recu­per­ata, altri­menti…
E i vikinghi? No quelli son quasi al com­pleto, manca solo Gia­comone Scanaviking, ma tutti sap­pi­amo che il suo cuore batte al ritmo del tam­buro greco come sem­pre…
Prima del salto d’inizio gara, la curva accoglie con ovazioni il ritorno dell’Uomo Locan­d­ina: Zio Ser­gio, il nos­tro Pres­i­dente Ono­rario, l’uomo sto­ria… ben­tor­nato Ser­gio!!
La par­tita com­in­cia, o meglio com­in­cia Forlì che va sul 6 a 0. I primi nos­tri due punti arrivano dopo un paio di minuti con Pel­le­grino ma da subito si capisce che tira una brutta aria.
Le ragazze, le super­stiti direi, son messe giù un po’ troppo sbra­gate in difesa e le liviensi non fanno com­pli­menti, sem­brano entrate in campo col goniometro, soprat­tutto Cani e Rosier. Broni cerca di recu­per­are ma di buono nel primo quarto si vede solo la prima bomba del nos­tro Obice Borghi. Poi tanti errori e molti falli sot­to­cane­stro, così le romag­nole allungano e il tempo si chi­ude 10 a 22 per le avversarie. Tradizionale foto ricordo della curva tra il primo e il sec­ondo quarto che ci scatta il buon “Cen­tod­i­ciotto”: è dif­fi­cile però sor­rid­ere visto il risul­tato.
Riparte il match con Pel­le­grino che segna subito ma Cani mette due triple. Con­tin­u­ano gli errori e Forlì non per­dona. La situ­azione si fa imbaraz­zante: scen­di­amo a meno 18 quando man­cano ancora quat­tro minuti alla fine del peri­odo. Tut­tavia, le fan­ci­ulle hanno uno scatto di orgoglio: un parziale di otto a zero e il pun­teg­gio di metà gara è 35 a 46. Una sper­anza si riaccende… Cambio di guardia anche al tavolo: Roc­cia Mav­er­ick, che mar­cava i punti sul tabel­lone, cede volen­tieri il posto a Babbo Can­fora e sale in curva a scal­dare l’ugola. Sarà solo il caso ma da quel momento si marcher­anno più punti per la casa… Il terzo tempo si svolge con un tira e molla: Broni arriva anche a meno 5 ma Forlì tiene testa e si va all’ultimo inter­me­dio sul risul­tato di 53 a 60. La nos­tra difesa com­in­cia a difend­ere davvero, le romag­nole per­dono lucid­ità al tiro, Pel­le­grino sot­to­cane­stro si impone e a metà del tempo rag­giun­giamo l’agognato pari!! Piccolo sus­sulto delle romag­nole, poi arriva il sor­passo, una bomba di Can­fora che fa esplodere il Pal­aBr­era (69–68)! Ci por­ti­amo sul +5 a meno di 2 minuti dalla fine. Borghi cade per crampi, unico strascico del lungo stop per l’infortunio. Forlì risale a meno 1 ma due liberi di Bic­occa per­me­t­tono di man­tenere le dis­tanze di sicurezza ad una man­ci­ata di sec­ondi dalla fine. Le romag­nole dovreb­bero tentare una tripla per rag­giun­gere il pareg­gio ma per­dono palla com­met­tendo fallo su Can­fora che segna i due liberi chi­u­dendo il discorso. Finisce 78 a 73. Mai in questa sta­gione, il Fortino Brera è andato tanto vicino alla capi­to­lazione. Sgo­mento e rasseg­nazione seg­na­vano i volti del pub­blico di casa quando si è rag­giunta la glaciale dis­tanza di 18 punti dalla com­pagine romagnola. Ma se sugli spalti una ventina di vikinghi can­ta­vano a squar­ci­agola senza dar segni di resa, sul par­quet sette vikinghe resp­ingevano con le unghie e con i denti l’assalto avversario!!! Qualcuno lassù ci ha alzato l’asticella ma noi l’abbiamo saltata lo stesso e quando arriver­anno i rin­forzi, si salvi chi può!!