19-novembre-2017-viking-broni-a-napoli 19-novembre-2017-viking-broni-a-napoli-n2

Ore 4:30 parcheg­gio del Menestrello… Qualcosa stazion­ava irre­movi­bil­mente nelle meningi dei Vikinghi in partenza per Napoli dopo la ser­ata del Brera con­tro San Mar­tino di quindici giorni fa: la sper­anza di ripetere, indipen­den­te­mente dal risul­tato, quella prestazione ad alto con­tenuto tec­nico e men­tale. Ebbene, le spi­etate e crudeli divinità della pal­la­cane­stro sono rius­cite a dis­eg­nare la par­tita di Cer­cola in modo tale da ren­dere estrema­mente dif­fi­cile dire se quella sper­anza sia stata sod­dis­fatta o meno…  o meglio ancora non aver capito cosa sia suc­cesso.

Il manipolo parte in treno e torna in pull­man, nel mezzo il solito con­cen­trato di pazzia nel far coin­cidere ‘tur­ismo’ e ‘pas­sione’. L’arrivo è stato verso le 10.30 dove ad accoglierli da ‘Attana­sio’ c’erano sfogli­atelle e babà (300 quelle ripor­tate in oltrepò come tro­feo)… giretto per Napoli con foto di rito in Piazza del Plebisc­ito e poi via ai ‘D’Angeli’ per la pizza napo­le­tana. Alle 17.30 tutti a Cer­cola, da pelle d’oca l’esposizione del primo stri­sione Viking bian­corosso sulla transenna… “Dovrebbe stare in un museo!” ha urlato il vikingo Grame. 27 anni e non sen­tirli per quella ‘pezza’, esposta nel lon­tano 1991 per la prima volta a Lerici (SP). Piazza del PlebiscitoCan­tano alla grande come sem­pre fino all’ultimo sec­ondo, fino oltre la sirena… nonos­tante trombe, trom­bette e raganelle della tifos­e­ria locale… Tem­per­atura effet­tiva al PalaCar­avita intorno ai venti, tem­per­atura per­cepita meno tren­tuno gradi: la dif­ferenza non la fanno nè l’umidità nè il vento, ma la notizia che le fan­ci­ulle gio­cano solo 10 minuti. Finisce male una par­tita che finchè è stata tale ha visto una bella Broni, moti­vata ed effi­cace, ma che poi si è trasfor­mata in un fatale harakiri, mostrando una squadra meno lucida sotto tutti gli aspetti. Domenica sera, a liv­ello di approc­cio e con­cen­trazione, quel che si poteva fare è stato fatto e alla fine la sen­sazione a caldo è che quel primo quarto ben gio­cato possa essere la base su cui lavo­rare durante la set­ti­mana. Sarà stata, per quanto breve, vera glo­ria? Ai pos­teri l’ardua sen­tenza: se ne ripar­lerà il 26 novem­bre quando i Vikinghi saranno tutti a Torino. Avanti Viking!